Tumore al seno: pochi screening, il 35% delle donne lo scopre da sola

Sono ancora troppo pochi gli screening per il tumore al seno e il 35% delle donne scopre il cancro da sola con l’autopalpazione. La percentuale poi varia da regione a regione; “Se a livello nazionale nella fascia di età 50-69 anni a farlo sono il 60% circa delle donne, la percentuale arriva a oltre l’80% di copertura delle regioni del nord a scende sotto il 40% al sud”. A fare il punto della situazione è il presidente della Lega Italiana per la lotta contro il tumore (Lilt), Francesco Schittulli, in occasione della conferenza stampa per il lancio della 24/esima edizione…

Commenti disabilitati su Tumore al seno: pochi screening, il 35% delle donne lo scopre da sola

Cancro al seno: un gene legato al sonno incide sulle metastasi

(Tratto da Reuters Health) – La diffusione del cancro al seno può essere influenzata da un gene “circadiano”. Ricercatori statunitensi in un recente studio, pubblicato sulla rivista Plos Genetics, avrebbero dimostrato che le variazioni di un gene coinvolto nei ritmi circadiani che controllano dalla divisione cellulare al sonno, potrebbe favorire la diffusione del tumore della mammella ad altri organi. Negli studi effettuati sui topi, i ricercatori hanno evidenziato come avere tipologie lievemente diverse del gene Arntl2 possa contribuire alla diffusione delle cellule tumorali. Analizzando i geni di pazienti con carcinoma mammario, gli studiosi hanno scoperto che almeno una variante di…

Commenti disabilitati su Cancro al seno: un gene legato al sonno incide sulle metastasi

Ooforectomia: protezione da tumore mammario differisce con mutazioni BRCA1/2

I dati di un ampio studio prospettico suggeriscono che l’ooforectomia bilaterale riduca il rischio di tumore mammario nelle donne in età premenopausale con mutazioni BRCA2, ma non in quelle con mutazioni BRCA1, per quanto si tratti di dati che necessitano di ulteriori indagini. Lo studio è stato condotto su 3.700 donne da Steven Narod del Women’s College Research Institute and Hospital di Toronto, secondo cui quanto riscontrato ha importanti implicazioni cliniche. Le portatrici di mutazioni BRCA presentano un elevato rischio vitalizio di sviluppare tumori mammari, ovarici e mammari controlaterali e per quanto l’effetto dell’ooforectomia sui tumori mammari nel complesso non…

Commenti disabilitati su Ooforectomia: protezione da tumore mammario differisce con mutazioni BRCA1/2